Cooperative e migranti: le verità da sapere

Che le cooperative che lucrano sul business dell’immigrazione hanno tutto l’interesse che i migranti rimangano dentro i centri il più lungo tempo possibile. Perché più sono, più a lungo rimangono, e più guadagnano. Il problema, come al solito, è la politica. Le procure hanno spiegato che molte di queste cooperative finanziavano il partito di Angelino Alfano, che è il ministro dell’Interno. E sulla vicenda di Mineo è stato direttamente chiamato in causa Castiglione, che per lo stesso partito ricopre il ruolo di sottosegretario.

La soluzione qual è, chiudere i centri di accoglienza?

Certo. Chiudere quelli enormi, e distribuire le persone in centri più piccoli.

Perché?

Innanzitutto perché è più facile gestire trenta persone piuttosto che mille. E poi perché lucrare, guadagnare illecitamente su trenta persone è molto più complicato e meno redditizio che farlo su mille. Basti pensare ai pasti, ma non solo. E poi per la sicurezza. Io ho parlato con chi lavora in centri come quello di Mineo. Dentro si verificano episodi di prostituzione, di caporalato, gira droga. Lo ripeto: hanno creato un ghetto, un vero e proprio slum.

http://www.huffingtonpost.it/2015/09/02/alessandro-di-battista-migranti-vero-ghetto-cara-mineo_n_8076694.html

Annunci