Signal: l’instant messenger sicuro e gratuito per Android e iOs

Nessuna applicazione ha avuto una diffusione più rapida di whatsapp nella storia degli smartphone. Tutti coloro che hanno provato questo software di messaggistica non ne possono più fare a meno. Whatsapp, che non vende pubblicità, è l’applicazione principe per lo scambio di testo , immagini, audio e video in tempo reale.
Il costo di whatsapp è realmente ridicolo rispetto a quello che riusciamo a fare con questa applicazione. Possiamo creare dei gruppi, ad esempio, e costruire dei salotti virtuali in cui intrattenerci con i nostri amici senza mai perdere un aggiornamento rispetto all’argomento che ci tiene uniti.
Whatsapp è l’applicazione principe per l’instant messaging. Perchè allora dovrei installarne una diversa?
Questa domanda ha due risposte valide.
Signal è una applicazione che permette la messaggistica privata con cifratura a livello militare ed è assolutamente gratis.
Signal non è legata necessariamente ad un numero telefonico e quindi può essere usata anche sui tablet che non hanno una sim a bordo.

Se vuoi leggere una bella recensione su questa app segui il link qui sotto

Dopo lo scandalo del “Datagate” che svelava come siano infiniti i sistemi di governi repressivi – ma anche di società private (leggi Hacking Team) – per monitorare le telecomunicazioni di tutto il mondo, è notevolmente aumentata la sensibilità delle persone rispetto alla privacy online e alla sicurezza. Nonostante questo però, sono molti gli utenti che non utilizzano strumenti e accortezze adeguati, per non incorrere in furti di identità o comunque per salvaguardare le proprie attività in rete.

Per questo motivo applicazioni e software con interfacce sempre più intuitive sono riusciti, nel corso degli anni, a ritagliarsi un proprio spazio. C’è chi pur con ottime intenzioni e dopo aver raccolto abbastanza fondi non è riuscito comunque a portare a termine progetti, che avrebbero contribuito alla messa in sicurezza delle telecomunicazioni online. È il caso di Hemlis e Lavaboom, piattaforme di IM una e l’altra di email, per messaggi cifrati. Tuttavia ci sono anche storie di successo come quella del collettivo Open Whisper Systems e di Signal, provato per voi in questa recensione.
https://www.ridble.com/signal-recensione/

E se invece vuoi provare l’applicazione recati nel tuo store di riferimento, Apple o Google, e fai una ricerca con il termine “Signal”

Al solito, se hai dei dubbi, o vuoi ulteriori spiegazioni, lascia un commento.

Annunci