Uranio impoverito: cosa ne sai

Il materiale che fuoriesce si riscalda per attrito ad una temperatura dai 1000 °C ai 5000 °C ed esplode. Una volta che colpisce un tank, il materiale si propaga: l’armatura, i missili, il serbatoio col carburante e la torre si disintegrano in varie direzioni, i membri dell’equipaggio si carbonizzano in una frazione di secondo.

A queste temperature l’uranio impoverito si riduce a nanoparticelle cento volte più piccole di un globulo rosso del nostro sangue. Sono così piccole che possono essere assorbite dal sangue e depositarsi nel cervello, nei reni e negli altri organi, così come negli spermatozoi e nelle ovaie, causando gravi malformazioni ai neonati.

Leggi tutto: http://it.sputniknews.com/mondo/20160915/3374360/DeadlyDust-Wagner-censura-NATO-USA-cancro.html

Annunci

#controinformazione, #ecologia, #informazione, #liberta