Salvare un file in pdf in 3 passaggi


Quante volte ti sei trovato nel dover fare velocemente un file pdf ma il tuo Word non contiene nessuna opzione per crearlo.

Puoi risolvere velocemente il problema installando sul tuo PC il programma LibreOffice.

I passaggi poi da eseguire sono semplici:

  1. apri il tuo file word con LibreOffice
  2. Vai nel menù File —> Esporta come pdf
  3. Finito

Facebook: come aumentare la sicurezza del profilo


Anche Facebook permette la verifica in 2 passaggi che ti consente di avere sotto controllo il tuo account facebook molto di più di quando usi solo la password come protezione.

 

Se attivi l’approvazione degli accessi, ti verrà chiesto di inserire un codice di approvazione dell’accesso ogni volta che provi ad accedere al tuo account Facebook da un nuovo telefono o computer.

Qui ti spiego come fare

Segui questo link direttamente creato da Facebook ed attraverso un semplice tutorial nessuno potrà accedere al tuo profilo Facebok a meno che non abbia il tuo cellualre.

 

https://www.facebook.com/about/basics/stay-safe-and-secure/login-approvals#3

 

Inoltre ti consiglio di guardare questo video

 

Come mettere in sicurezza il vostro account Gmail


Rubare una password è più semplice di quanto tu possa immaginare

Di seguito sono descritti dei comportamenti comuni che potrebbero mettere a rischio la sicurezza della tua password:

Utilizzare la stessa password per più di un sito
Scaricare software da Internet
Fare clic sui link nei messaggi email
La verifica in due passaggi ti permette di tenere lontani i malintenzionati, anche se conoscono la tua password.

Segui il link per impostare la verifica in 2 passaggi.

https://www.google.it/intl/it/landing/2step/

 

 

Il migliore lettore di ebook per android: Lithium


Se sei un amante dei libri sicuramente non rinuncerai mai alla carta stampata per tutta una serie di motivazioni che qui non possiamo elencare.

Il libro elettronico non ha lo stesso fascino del suo omologo più antico ma è innegabile che avere una biblioteca intera nel palmo della mano è qualcosa che ci può ripagare della trasformazione dell’inchiosto in puri e semplici bit.

Se usi android (e se non lo usi dovresti cominciare a chiederti perchè…) puoi leggere i tuoi meravigliosi ebook con un lettore veramente ben fatto e molto leggero.

Se ancora non conosci Lithium puoi leggere qui sotto la descrizione in inglese di questa app o passare direttamente al suo download e poi lasciare qui sotto la tua impressione.

Buona lettura a tutti.

Installa lithium da qui

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.faultexception.reader&hl=it

kithium

 

Lithium is an EPUB reader built on simplicity.

• Automatic book detection
• Highlighting & notes
• Night & sepia themes
• Switch between pages and scrolling
• Built with Material Design
• 100% ad-free*

PLEASE GIVE FEEDBACK

Use the “Send feedback” button (in the drawer or menu depending on where you’re at in the app). Please let us know about any bugs or crashes you encounter.

Full disclosure: We intend to have a single purchase later to unlock additional features, however it will only be one purchase to unlock everything and there will never be any ads* even if you don’t pay.

  • Ads meaning third-party advertisements. There may be occasional offers to upgrade to the premium version of the app.

Cilento Meetup delle guide locali di Google


 

Per domenica 26 Febbraio ho organizzato il tour fotografico delle guide locali (o delle aspiranti tali) di Google Map.

Se vuoi partecipare ci vediamo al Villa Comics di Villammare

cilento-meetup

A chi interverrà offriremo anche un mini-corso gratuito per imparare ad usare Instagram

Per i dettagli del programma puoi seguire questo link

https://maps.google.com/localguides/meetup/cilento-meetup

 

Evoluzione della figura del Seo aziendale 


Giorgio Taverniti dimostra grandissima lucidità in questo suo video su come deve cambiare atteggiamento chi si occupa di Seo.  Se non si è  in grado di analizzare tutto il processo di aspettative degli utenti per quanto riguarda la messa a punto di un sito internet si rischia davvero di non riuscire ad essere protagonisti nell’ora dell’intelligenza artificiale all’interno dei motori di ricerca. 

Goditi questo fruibilissimo video… 

Dropshipping: qualche informazione utile


“Per Drop Ship (anche conosciuto come drop shipping o dropshipping ) si intende un modello di vendita grazie al quale il venditore vende un prodotto, ad un utente finale, senza possederlo materialmente nel proprio magazzino.

Il venditore, effettuata la vendita, trasmetterà l’ordine al fornitore che in questo caso viene chiamato “dropshipper”, il quale spedirà il prodotto direttamente all’utente finale.

In questo modo il venditore si preoccupa esclusivamente della pubblicizzazione dei prodotti, senza le relative incombenze legate ai processi di imballaggio, spedizione e garanzia che invece sono a cura del fornitore.”

(Wikipedia)

e ancora

e ancora

Se vuoi altre informazioni lascia un commento.

Non ce la danno a bere?


Puoi condividere questo articolo semplicemente copiando il testo http://bit.do/petrolio

Le persone che bevono l’acqua che deriva dal Lago Pertusillo possono stare sicuri che stiano bevendo acque di buona qualità?

Cosa possiamo fare per cominciare a prenderci cura dei nostri figli e dei figli di tutti?

Urge una crescita culturale degli italiani sulla correlazione tra ecologia e salute della cittadinanza.

Qui sotto alcuni video per poter riflettere.

 

video breve

 

 

 

 

#ciavvelenanopersoldi

e-privacy 2016: convegno su SPID e identità digitale


Il 24 e 25 giugno 2016 (venerdì e sabato) a Pisa si svolgerà e-privacy 2016 spring edition.

Il tema dell‘edizione 2016 è:

SPID ed Identità Digitale: Mercificazione, risorsa, opportunità o pericolo?

Un confronto tra l’identità digitale realizzata dallo Stato Italiano rispetto alle idee ed alle realizzazioni precedenti di tecnologi, legislatori e filosofi

Lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) è il tema guida di “e-privacy 2016”, l’evento che da sempre anticipa i nuovi temi sulla tutela della privacy e dei diritti civili digitali.

Il problema dell’identità digitale, che ha permeato il Convegno fin dalle sue prime edizioni, sale, non in maniera imprevedibile, alla ribalta con l’avvio dello SPID.

La creazione di una identità “Statale”, di una identità “a pagamento”, una nuova iniziativa digitale italiana parte di una “Agenda Digitale” con un passato pieno di ostacoli, rallentamenti e problemi tecnici, rendono il tema fecondo come pochi altri.

L’ingresso al convegno e -privacy è libero e gratuito, ma i posti sono limitati; si suggerisce percio’ di registrarsi con il form riportato in alto o sull’apposita pagina di eventbrite:

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-e-privacy-2016-summer-edition-spid-ed-identita-digitale-mercificazione-risorsa-opportunita-o-25913807897

Sin dal 2002 ad e-privacy si sono confrontate le tematiche di un mondo sempre più digitale ed interconnesso, nel quale le possibilità di comunicazione ed accesso alla conoscenza crescono continuamente, come pure crescono le possibilità di tecnocontrollo degli individui sin nei più intimi dettagli. L’approccio è interdisciplinare; dagli specialisti in informatica ai legali che si occupano di nuove tecnologie, dagli psicologi agli educatori, dagli operatori privati a quanti operano nel settore pubblico ed istituzionale.

Continua a leggere e prenota seguendo il link

http://e-privacy.winstonsmith.org/e-privacy-XIX-programma.html

 

Scarabocchiare per risolvere i problemi


Anche se a prima vista questa affermazione sembra assolutamente controintuitiva, seguiamo questa lezione di Sunni Brown per capire quanto può esserci d’aiuto tracciare segni spontanei per accedere alle parti creative della nostra mente che possono aiutarci a trovare nuovi percorsi per superare gli ostacoli quotidiani.

 

 

 

Qui la trascrizione

 

0:11Voglio raccontarvi la mia storia. Trascorro molto tempo a insegnare agli adulti come usare il linguaggio visuale e scarabocchiare sul posto di lavoro. E naturalmente, incontro molta resistenza, perché è considerato anti-intellettuale e contrario ad un apprendimento serio. Ma ho un problema con questa convinzione, perché so che scarabocchiare ha un impatto profondo sul modo in cui elaboriamo le informazioni e sul modo in cui risolviamo i problemi.

0:37Quindi ero curiosa del perché ci fosse una sconnessione tra il modo in cui la nostra società percepisce lo scarabocchiare e com’è invece la realtà. Ho scoperto alcune cose interessanti. Per esempio, non esisteuna definizione lusinghiera dello scarabocchiare. Nel 17° secolo, uno scarabocchio era un sempliciotto o uno stupido — come in Yankee Doodle [titolo di una canzone]. Nel 18° secolo, è diventato un verbo, e voleva dire truffare o ridicolizzare o prendersi gioco di qualcuno. Nel 19° secolo, era un politico corrotto.E oggi, abbiamo quella che è forse la definizione più offensiva, almeno secondo me, che è la seguente:scarabocchiare significa ufficialmente perdere tempo, tergiversare, giocherellare, fare segni privi di significato, fare qualcosa privo di valore, di sostanza o di importanza, e — la mia definizione preferita —non fare niente. Non mi stupisce che la gente sia ostile allo scarabocchiare al lavoro. Non fare niente al lavoro è come masturbarsi al lavoro; è assolutamente fuori luogo.

1:32(Risate)

1:34Per di più, ho sentito storie di gente rimproverata dai professori, ovviamente, per aver scarabocchiato in classe. E hanno capi che li rimproverano perché scarabocchiano in sala riunioni. C’è una potente regola culturale contro lo scarabocchiare in situazioni in cui si suppone si debba imparare qualcosa. E sfortunatamente, la stampa tende a rinforzare questa regola quando riporta gli scarabocchi — di una persona importante in un’udienza o in situazioni simili — di solito si usano parole tipo “scoperto” “colto” o “trovato”, come se fosse stato commesso un qualche atto criminale.

2:04E per di più, c’è un’avversione psicologica allo scarabocchio — grazie, Freud. Negli anni ’30, Freud ci ha detto che si poteva analizzare la psiche basandosi sugli scarabocchi. Non è esatto, ma è successo a Tony Blair al Forum di Davos nel 2005, quando i suoi scarabocchi sono stati, ovviamente, “scoperti” ed è stato etichettato in questo modo. [aggressivo, instabile, irritabile, sotto pressione, megalomane] Poi si è scoperto che erano gli scarabocchi di Bill Gates. (Risate) E Bill, se sei qui, nessuno pensa che tu sia megalomane. Ma questo contribuisce a non voler condividere i propri scarabocchi.

2:39E questo è il vero problema. Ecco cosa ne penso. Credo che la nostra cultura sia talmente focalizzata sull’informazione verbale da renderci quasi ciechi di fronte al valore dello scarabocchio. E la cosa non mi piace. Per questo motivo credo che abbiamo bisogno di una rottura, e sono qui per rimettervi rapidamente di fronte alla realtà. Ecco la verità: scarabocchiare è uno strumento incredibilmente potente,ed è uno strumento che dobbiamo ricordare e reimparare.

3:03Ecco allora una nuova definizione dello scarabocchiare. E spero che ci sia qui qualcuno dell’Oxford English Dictionary, perché più tardi gli devo parlare. Ecco la vera definizione: Scarabocchiare è tracciare segni spontanei che aiutano a pensare. Questo è il motivo per cui milioni di persone scarabocchiano.Ecco un’altra interessante verità sullo scarabocchiare: la gente che scarabocchia quando riceve informazioni verbali ricorda più informazioni rispetto a coloro che non lo fanno. Si pensa che scarabocchiare sia ciò che si fa quando si perde la concentrazione, ma in realtà è una misura preventivaper impedire di perdere la concentrazione. Inoltre, ha un effetto profondo sulla soluzione creativa dei problemi e sull’elaborazione di informazioni complesse.

3:40Ci sono quattro modi con cui chi apprende acquisisce informazioni per poter prendere decisioni. Sono modalità visive, uditive, di lettura e di scrittura e cinestetiche. Quindi per poter realmente fare tesoro delle informazioni e trarne vantaggio, dobbiamo coinvolgere almeno due di queste modalità, oppure dobbiamo coinvolgerne una e abbinarla a un’esperienza emotiva. L’incredibile contributo dello scarabocchioconsiste nel coinvolgere contemporaneamente tutte e quattro le modalità con la possibilità di un’esperienza emotiva. E’ un contributo non indifferente per un comportamento a cui non si dà valore.

4:15E’ talmente elementare, ma mi ha fatto piangere quando l’ho scoperto. Hanno fatto delle ricerche antropologiche sullo sviluppo delle attività artistiche nei bambini, e hanno scoperto che, nello spazio e nel tempo, tutti i bambini mostrano la stessa evoluzione nella logica visiva in fase di crescita. In altre parole, hanno una complessità condivisa e crescente nel linguaggio visivo che ha luogo in una sequenza prevedibile. Credo sia un fatto incredibile. Credo che significhi che scarabocchiare è innato e che noi stiamo semplicemente rinnegando quell’istinto. E infine, molti non ne sono al corrente, ma lo scarabocchio è il precursore di alcuni dei nostri più grandi patrimoni culturali. Eccone uno dei molti:questo è Frank Gehry, il precursore dell’architetto del Guggenheim di Abu Dhabi.

4:56Il punto è: In nessun caso lo scarabocchio deve essere estirpato da una classe, da una sala riunioni e nemmeno da una stanza della guerra. Al contrario, scarabocchiare dovrebbe essere sfruttato precisamente in quelle situazioni dove la densità di informazioni è molto alta ed è molto forte il bisogno di elaborare quelle informazioni. Vi dirò ancora una cosa. Poiché scarabocchiare è universalmente accessibile e non è una forma d’arte intimidatoria può essere sfruttata come un portale attraverso il quale eleviamo le persone verso livelli più alti di alfabetizzazione. Amici miei, scarabocchiare non è mai stata la nemesi del pensiero intellettuale. In realtà, è uno dei suoi più grandi alleati.

5:35Grazie. (Applausi)