Perchè Telegram è (al momento) migliore di whatsapp


Telegram è l’applicazione di messaggistica che al momento preferisco per la possibilità di avere oltre ai messaggi degli amici anche la possibilità di seguire i canali.
Se non sai cosa sono i canali forse questo video potrà farti abbandonare whatsapp per migrare verso un programma di messaggistica migliore.

 

Iscriviti al canale telegram di questo sito se vuoi seguendo il link

https://telegram.me/partnerdigitaleweb

 

Annunci

Impariamo ad usare Snapchat


Snapchat è un social in forte crescita tra i giovani e non solo.

Se siete interessati a capirne qualcosa di più potete guardare questi tutorial realizzati da FanPage ed  Elena Tee

 

 

Come diventare invisibili su whatsapp


Whatsapp è utilissimo perchè ti connette sempre con le persone che nella tua rubrica utilizzano questa applicazione di messaggistica.

Whatsapp ha il grande limite di non avere una gestione della privacy personalizzata. Intendo dire che sarebbe utilissimo poter essere selettivi nel far capire ai nostri contatti se abbiamo letto o meno i nostri messaggi (le famose due spunte blu).

Fino ad oggi è possibile solo decidere se far vedere a tutti o meno i vostri accessi e le vostre conferme di lettura.

Qui un buon video per capire come, senza applicazioni esterne, possiamo eliminare gli stalker di whatsapp senza compromettere i rapporti personali con tutti i nostri contatti.

Ringrazio per questo articolo Maria di Fondi e rinnovo l’invito a tutti coloro che hanno dubbi informatici ad usare la sezione contatti per avere una risposta alle loro domande.

 

Gli hacker sono buoni?


La parola “hacker”, in Italia e nel mondo è sempre più spesso sinonmo di “pirata informatico”. Alzi la mano chi leggendo il titolo di questo articolo non abbia pensato questo.

Il termine hacker è in realtà un termine diverso e mi porta alla mente l’etica dell’ambiente in cui l’aggettivo è stato coniato.

L’etica, la cultura e la filosofiahacker affondano le radici negli anni cinquanta e sessanta, muovendo i primi passi al Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston. Il termine “etica hacker” è attribuito allo scrittore Steven Levy, che lo descrive nel libro del 1984Hackers. Gli eroi della rivoluzione informatica.[1]. Sebbene alcuni dei fondamenti dell’etica hacker siano stati descritti anche da altri autori (vedasi, ad esempio, il testo Dream Machines (1974) di Theodor Nelson), Levy è considerato il primo ad aver documentato questa filosofia e ad averne individuato i fondatori. Secondo la ricostruzione di Levy, in uno dei laboratori del MIT dove era presente un IBM 704 alcuni studenti, dedicandosi fortemente alla programmazione, segnarono le prime tappe della cultura hacker. Nel linguaggio comune degli studenti del MIT, con “hack” si intendeva un progetto in fase di sviluppo o un prodotto realizzato con scopi costruttivi, con riferimento ad un forte piacere dato dal coinvolgimento nel progetto.[2] Il termine venne adottato estrapolandolo dal comune linguaggio gergale universitario, in cui, col termine “hack”, si indicavano gli scherzi goliardici architettati dagli studenti. L’etica hacker fu descritta come un “nuovo stile di vita, con una filosofia, un’etica, ed un sogno”

Se vuoi conoscere chi sono gli hacker, libera la mente da ogni pregiudizio e compra (dopo aver letto gratis) Il libro “Hackers” di Carlo Gubitosa

Ti basta seguire il link per leggerlo online o scaricarlo

 

 

 

Se vuoi diventre un hacker, una buona lettura per iniziare è questa
https://espertointernet.files.wordpress.com/2011/02/come_diventare_un_hacker.pdf

eu-tecnologia: consigli informatici per migliorare la vita. PartnerDigitale.com

Corso ECDL – libri liberi e gratis per l’esame e per cultura personale


La Patente Europea del computer (ECDL) è sicuramente uno dei modi per certificare di avere delle conoscenze base del mondo digitale. La nuova ECDL prevede un maggior uso delle nuove tecnologie e del software libero e per questo torna ad avere una qualche rilevanza che vada oltre il mero titolo accademico.

Come ricorda wikipedia

Sia Nuova ECDL che Advanced sono certificazioni vendor independent: il candidato può scegliere liberamente se svolgere l’esame su software proprietario con la suite Office e Internet Explorer e Outlook Express o Windows Mail di Microsoft oppure con software libero, con simulazioni su GNU/Linux distribuzione Ubuntu 12.04 LTS con interfaccia Unity per il modulo 1 (Computer essentials), LibreOffice 3.5.2 per i moduli 3 (Word processor’s), 4 (Spreadsheets), 6 (Presentations) e 8 (Using Databases) e Mozilla Firefox e Mozilla Thunderbird per il modulo 2 (Online essentials)

 

La patente europea per l’uso del computer detta anche ECDL, acronimo del nome inglese “European Computer Driving Licence”, è un attestato che certifica il possesso di una competenza informatica di base, che si identifica con la capacità di operare al personal computer con le comuni applicazioni e la conoscenza essenziale della tecnologia dell’informazione (IT) a livello dell’utente generico.

ECDL è un programma che fa capo a CEPIS (Council of European Professional Informatics Societies), l’ente che riunisce le associazioni europee di informatica. L’Italia è uno dei Paesi membri ed è rappresentata da AICA, l’Associazione italiana per l’informatica ed il calcolo automatico. Il programma prevede 7 esami, con il superamento di 4 si ottiene il “Diploma ECDL Start” con il superamento di tutti e 7 i moduli richiesti si ottiene il 2 Diploma, quello completo “Diploma ECDL”.

La “Nuova ECDL” propone nuovi moduli e consente una maggiore flessibilità, in quanto il candidato può scegliere la combinazione di moduli che ritiene più interessante e utile e chiedere in ogni momento un certificato che attesti gli esami superati.

Più precisamente, sarà possibile conseguire tre tipi di certificazioni: ECDL Base, ECDL Full Standard, ECDL Profile (quest’ultima in vigore dal 1º gennaio 2014), basati su 17 Moduli raggruppati in 3 categorie: Base, Standard, Advanced.

Se vuoi autoformarti o essere seguito da un partner digitale nell’apprendere questi concetti necessari all’inclusione digitale, qui troverai un po’ di risorse gratuite in italiano che circolano in rete.

Simulazione online del quiz ecdl

Dal sito Matematicamente

 

 

http://www.matematicamente.it/test-e-quiz/ecdl/