Partite Iva: cosa sta facendo il governo?


Dovrebbero esserci novità nei primi mesi del 2016 per le tante partite IVA italiane.
Sottoporremo a fact checking…

Poi ci sono le novità di carattere fiscale: la possibilità di dedurre le spese per la formazione (finora era più facile

scaricare il costo di un nuovo telefono che quello di un corso di aggiornamento); le tutele contro il rischio di non essere pagati («ma questa parte», dice Anna Soru, «non è ancora chiara»); l’accesso agli appalti pubblici.

A queste vanno aggiunte le novità della legge di stabilità: la possibilità di accedere ai fondi europei, salvata in extremis da un emendamento che voleva cancellarla; e il nuovo regime dei minimi, che fa un passo indietro, riportando il limite dei ricavi da 15mila a 30mila euro, come due anni fa. In questo modo la platea dei potenziali beneficiari aumenta, considerato che potrà accedervi anche chi ha aperto la partita Iva da tanti anni.

http://www.linkiesta.it/it/article/2016/01/05/partite-iva-nello-statuto-mancano-salari-e-previdenza/28789/