Google dona portatili ai rifugiati


Google donerà 25.000 portatili ai rifugiati.
Dopo il loro viaggio pericoloso, la prima cosa di cui hanno bisogno è un riparo, cibo e accesso alle comunicazioni con i loro cari. Poi dovranno imparare una nuova lingua, acquisire le competenze per lavorare in una nuova nazione e magari continuare gli studi.
Un computer può aiutare molto in tutto questo.
Bene Google. Molto bene!

As they make it through a dangerous journey, the first thing refugees need is to find shelter, food and access to care,” said Google in a blog post. “But soon enough, they have to learn the local language, acquire skills to work in a new country, and figure out a way to continue their studies – all in an effort to reclaim and reconnect with the lives they had before.”

image

http://www.businessinsider.com/google-donates-chromebooks-to-refugees-2016-1?IR=T

Gli inceneritori non sono termovalorizzatori!


Quanto bene conosci il problema dei rifiuti che tutti produciamo?

In questo articolo puoi notare come il problema dei rifiuti sia un fatto più sociale di quanto possiamo immaginare. Noi possiamo far molto se induciamo i politici che votiamo a fare scelte eco-compatibili.

L’Italia è messa male in quanto a cultura ecologica.

Un buon sito per informarsi è “No all’Italia petrolizzata”.

Questo l’ultimo articolo

Leggo che il governo Renzi ha deciso con lo Sblocca Italia di costruire almeno 12 inceneritori. Nota: non li potro’ mai chiamare termovalorizzatori, perche’ non c’e’ niente da valorizzare. Sono inceneritori perche’ bruciano monnezza, e dunque inceneriscono.

In Italia ce ne sono 42 gia’ in funzione, sei autorizzati e adesso con i nuovi dodici in Piemonte, Liguria, Veneto, Umbria, Marche, Campania, Abruzzo, e Puglia arriveremo a sessanta.

Ecco allora cosa accade a San Fransisco. La citta’ piu’ verde d’America. Per evitare di generare immondizia hanno deciso di vietare la vendita di bottiglie di plastica tout court.

Leggi il resto qui

http://dorsogna.blogspot.it/2016/01/san-franscisco-vietera-la-vendita-di.html

 

 

Bullismo propedeutico a società incivili


La nostra è una società violenta. Subdolamente violenta. Ogni giorno assistiamo ed accettiamo mille prevaricazioni compiute ai danni di singoli e di gruppi emarginati dalla società. L’esempio di prevaricazione parte dalla casta dei politici e di coloro che hanno in mano l’informazione italiana. Si tende a dare molto poco spazio alla questione morale ed all’etica della responsabilità.
Per fortuna, in alcune scuole, c’è ancora chi mette il rispetto delle regole al di sopra della didattica.
È avvenuto nella scuola di mio figlio dove, dopo 3 anni di richieste inevase da altri dirigenti, finalmente ho avuto attenzione su atti di bullismo compiuti nei bagni scolastici. Bagni con porte senza lucchetto.
La cosa che più rammarica è che collaboratori scolastici ed insegnanti trovavano normale questa situazione.
Il bullismo è la palestra dove bambini e ragazzi esercitano quella prepotenza che da grande porterà al diritto della forza contro la forza del diritto.
Ora i lucchetti nei bagni ci saranno. Ma quanti lucchetti rimangono a chiudere la mente di chi crede che sottovalutare queste richieste di attenzione da parte di chi attua comportamenti violenti sia “normale”?

I bambini violenti non vanno puniti. Vanno ascoltati nel loro enorme disagio e le famiglie e la scuola devono assolutamente cooperare alla cancellazione di quel clima di omertà in cui la vittima ed i suoi compagni sono vessati.
La logica del minimizzare tutto è sintomo della grande ignoranza collettiva nel cercare solo nel benessere personale la via di fuga per una vita felice.
Le società odierne vivono nello scontro di valori che spesso sono in totale opposizione tra loro ma è necessario ricomporre con il dialogo queste fratture e non far finta che non esistano.
Come sempre, è solo la cultura scientifica ed umanistica insieme che possono consegnarci la speranza di salvare il mondo e di non giocare ogni santo giorno i nostri piccoli, personali, giochi di guerra.

image
Migliorare il mondo è possibile

Abbiamo bisogno di maestri e professori che ascoltano, che si affiancano a questi ragazzi, che non usano il verbo “bocciare”. Abbiamo la necessità di tornare a fare educazione civica, alla cittadinanza, non di scrivere il decalogo del comportamento: “Si alza la mano per parlare”; “Si portano a scuola i quaderni”; “Ci si ascolta”. I ragazzi ci chiedono solo una cosa: ascolto.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/01/19/bullismo-da-ex-b ullo-vi-dico-ascoltateli/2386522/

Qui una risorsa importante per riconoscere il bullismo

http://www.marcotogni.it/bullismo/

Grazie a Rossella Ioele per avermi fatto conoscere questo brano:
Lettera di Abramo Lincoln all’insegnante di suo figlio

Caro professore, insegni al mio ragazzo che non tutti gli uomini sono giusti, non tutti dicono la verità; ma la prego di dirgli pure che per ogni malvagio c’è un eroe, per ogni egoista c’è un leader generoso. Gli insegni, per favore, che per ogni nemico ci sarà anche un amico e gli faccia capire che vale molto più una moneta guadagnata con il lavoro che una moneta trovata. Gli insegni a perdere, ma anche a saper godere della vittoria, lo allontani dall’invidia e gli faccia riconoscere l’allegria profonda di un sorriso silenzioso.

Lo lasci meravigliare del contenuto dei suoi libri, ma gli conceda anche il tempo per distrarsi con gli uccelli nel cielo, i fiori nei campi, le colline e le valli. Nel gioco con gli amici, gli spieghi che è meglio una sconfitta onorevole di una vergognosa vittoria, gli insegni a credere in se stesso, anche se si ritrova solo contro tutti. Gli insegni ad essere gentile con i gentili e duro con i duri e gli faccia imparare a non accettare le cose solamente perché le hanno accettate anche gli altri. Gli insegni ad ascoltare tutti ma, nel momento della verità, a decidere da solo. Gli insegni a ridere quando è triste e gli spieghi che qualche volta anche i veri uomini piangono. Gli insegni ad ignorare le folle che chiedono sangue e lo esorti a combattere anche da solo contro tutti, quando è convinto di aver ragione. Lo tratti bene, ma non da bambino, perché solo con il fuoco si tempera l’acciaio.

Gli faccia conoscere il coraggio di essere impaziente e la pazienza di essere coraggioso. Gli trasmetta una fede sublime nel Creatore e gli insegni ad avere fiducia anche in se stesso, perché solo così può avere fiducia negli uomini. So che le chiedo molto, ma veda cosa può fare, caro maestro

Meta-momenti: riflessioni di design


Un articolo interessante sulla meta-progettazione di esperienze cognitive che riguardino utenti che interagiscono attraverso la tecnologia.

I meta-momenti possono darci spazio per interpretare, comprendere e aggiungere significato alle nostre esperienze. Ci serve solo un po’ di attrito nel nostro flusso. Un posto di blocco deve essere superato, un dosso deve essere negoziato, una deviazione deve essere percorsa. Ciascuno di questi casi coinvolge la nostra attenzione in maniera riflessiva. il nostro livello di ingaggio si approfondisce, abbiamo un’esperienza da ricordare.

image
windows 10: aggiornamento facile partnerdigitale.com

http://www.italianalistapart.com/articoli/136-numero-120-21-gennaio-2016/581-meta-momenti-riflessioni-di-design

Ad 11 anni dona gli organi dando senso alla nostra vita


Liang Yaoyi è il nome che nessuno di noi dovrà dimenticare. Un bambino cinese di 11 anni che ha visto il suo sogno di diventare medico spezzato da un tumore al cervello, ha dato una lezione alla Cina ed al mondo intero donando i propri organi.

viaAd 11 anni dona gli organi dando senso alla nostra vita | Senso della vita.