Politica

“Interprete della legge, che giudichi e dia mandato di giudicare le cause private, sia il pretore. Egli sia depositario del diritto civile; a questo magistrato siano pari in potere quanti ne avrà decretato il senato ed ordinato il popolo.”
“Vi siano due che esercitino il potere regio, e per procedere, giudicare, provvedere siano chiamati pretori, giudici, consoli; essi abbiano il supremo potere militare, a nessuno siano soggetti; sia loro suprema legge la salute del popolo.

(Cicerone, De Leg., IV)

 

La politica dovrebbe governare l’economia ma a quanto sembra, per colpa di cittadini disattenti, è l’economia che decide le sorti della politica. Tutto questo è frutto di una bassissima cultura e di uno scadente senso civico diffuso.

 

Prima di parlare di politica, parliamo di sicurezza alimentare di cui non si occupano i nostri politici con severe leggi a favore del comsumatore (e che quando ci sono non vengono fatte applicare).

 

Dopo la vittoria del NO al referendum ho dovuto sopportare tanti antidemocratici sostenitori del SI arrabbiati ed arroganti che non hanno saputo accettare la sconfitta ma che soprattutto dimostrano di non sapere cosa voglia dire rispetto per le scelte degli italiani.

Per questo ho deciso che non parlerò più di politica ma rimanderò chiunque sospetto abbia un visione parziale della situazione italiana a questa pagina che sarà raggiungibile sempre a questo indirizzo

https://partnerdigitale.com/politica

Sarò disponibile al confronto solo dopo che qualcuno abbia dimostrato che le cose che riporto qui sotto sono false. Fino ad allora non accetto lezioni di politica da chi non ha il quadro completo del danno provocato dai partiti italiani.

Un confronto che comunque dovrà essere improntato al rispetto sancito da questo video.

Il mio modo di intendere la politica:

  1. Separare il peccato dal peccatore ed impedire che si commettano crimini che rimangono impuniti.

Chi infatti, si propone di correggere i difetti della fragilità umana deve sorreggere e, in qualche modo, soppesare sulle sue spalle la debolezza stessa, non già disfarsene. Il pastore, quello ben noto del Vangelo, non ha abbandonato la pecora stanca, ma se l’è messa in spalla.
Salomone dice: “Non essere troppo giusto”.
La dolcezza ha il compito, appunto, di lenire la giustizia. Con quale animo, infatti, si potrebbe sottoporre alle tue cure chi hai in antipatia ed è convinto che sarà non già oggetto di pietà, bensì di disprezzo da parte del suo medico?
Gesù ha avuto misericordia di noi non per allontanarci, ma per chiamarci a sé. E’ venuto mite, umile. Ha detto: “Venite a me, voi tutti che siete affaticati, e io vi ristorerò”.
Il Signore, dunque, guarisce senza eccezioni, senza riserve.
A ragione, ha scelto discepoli che, interpreti del suo volere, raccogliessero e non tenessero lontano il popolo di Dio. Ovviamente, non sono da annoverare tra i discepoli di Cristo coloro i quali pensano che la durezza sia da preferire alla dolcezza, la superbia all’umiltà e che, mentre invocano per sé la divina pietà, la negano agli altri, come appunto fanno i dottori Novaziani che si fregiano dell’appellativo di “puri”.

Quale tracotanza maggiore della loro? La scrittura dice che “neppure il neonato è immune da colpa”; David grida: “Mondami dal mio peccato”. Dunque, i Novaziani sono più obbedienti al Signore di David, dalla cui gente Cristo ha voluto nascere, in virtù del mistero dell’Incarnazione?
Più ligi verso Dio di David, alla cui posteriorità appartiene la reggia celeste, il grembo, cioè, della Vergine che ha ricevuto il Salvatore del mondo?
Quale crudeltà maggiore del concedere la penitenza e, al tempo stesso, di sbarrarle il passo?
Negare il perdono, infatti, cosa significa se non togliere ogni incentivo a pentirsi? Contrito di tutto cuore può essere soltanto chi nutre fiducia nella clemenza.

– Sant’Ambrogio, vescovo –
da: “La Penitenza”

Se ha visto tutti i video e vuoi aggiungere qualcosa, lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...